Terre d’acqua tra riso e canali

Si terà dal 10 al 12 maggio 2019 la prima edizione di “Terre d’Acqua tra Riso e Canali”, un weekend di iniziative che invita alla riscoperta della storia – tutta piemontese – della risicoltura e delle importanti opere idrauliche che ne hanno permesso lo sviluppo intensivo, nell’area storica delle cosiddette “Terre d’Acqua” comprese tra Biella, Novara, Vercelli e nel Monferrato Casalese.

Un mondo di terra e di acque tutto da scoprire grazie al progetto curato dal’Associazione d’Irrigazione Ovest Sesia, in coordinamento con la Regione Piemonte e VisitPiemonte (la società in house della Regione Piemonte per la valorizzazione turistica e agroalimentare del territorio, anche partecipata da Unioncamere), a cui hanno collaborato le Aziende Turistiche Locali di Alexala, Biella, della provincia di Novara e di Valsesia Vercelli, insieme con il Consorzio di Bonifica della Baraggia Biellese e Vercellese e l’Associazione Irrigazione Est Sesia.

Tante le proposte in programma nei territori coinvolti, con visite guidate a imponenti opere idrauliche di solito non accessibili al pubblico, spettacoli, convegni, rassegne cinematografiche, mostre fotografiche, itinerari cicloturistici e appuntamenti gastronomici.

Al canale Cavour, la poderosa “autostrada d’acqua” che prende il nome da Camillo Benso conte di Cavour, tra i suoi più convinti promotori, è dedicata una serie di appuntamenti tra Vercelli, Novara e Biella. Capolavoro di ingegneria idraulica unico in Europa e tuttora in perfetta funzione, dal 1866 il corso d’acqua artificiale si estende nella Pianura tra Vercelli e Novara, irrigando per oltre 80 chilometri il triangolo d’oro della risicoltura compreso tra Piemonte e Lomellina, bacino dal quale proviene il 90% del riso italiano e il 50% dell’intera produzione europea.

Gli alti campanili di Sant’Andrea svettano nella pianura invasa dall’acqua delle risaie: siamo a Vercelli e la sera del 10 maggio è la volta dello spettacolo “A la Fiera di Sant’Andrè”, che Banda Osiris dedica al progetto di piste ciclabili in corso di realizzazione lungo gli 82 chilometri delle alzaie del Canale Cavour. L’ 11 maggio apertura straordinaria con visita guidata delle architetture idrauliche delle Terre di Canale (h. 9,15. con ritrovo alla stazione ferroviaria di Vercelli), seguita dal pranzo con menù tipico all’insegna del famoso cereale di questo territorio, grazie al riso di Baraggia Biellese e Vercellese, unica DOP italiana del riso prodotta nelle piane ai piedi del massiccio del Monte Rosa. Sempre l’11 maggio suggestiva la sera alle 21,30, che a Crova sarà illuminata da una miriade di lumini sulle acque del canale Cavour.

Nel Novarese, la “terra degli aironi” tra Sesia e Ticino, l’apertura straordinaria dell’Archivio Storico delle Acque e delle Terre Irrigue permette di ripercorrere lo sviluppo dell’ecosistema di risaie e canali (10-11-12 maggio, h. 10.00-12.30/15.00-17.00 presso l’Associazione Irrigazione Est Sesia, via Negroni 7, Novara). Per conoscerlo da vicino, Terre di canali in touritinerario cicloturistico lungo il canale Cavour offre a tutti i partecipanti un’esperienza attiva open-air adatta a tutte le età, arricchita infine dalla degustazione di prodotti tipici (questa è terra di “paniscia”). L’appuntamento è per l’11 maggio, h. 9,45 in piazza Cavour, Novara (per info: ATL Novara, tel. 0321 394059 – www.turismonovara.it; Associazione Irrigazione Est Sesia – tel. 0321 675221 – www.estsesia.it).

Nel Biellese, dove l’area della Baraggia è considerata per le sue caratteristiche morfologiche l’ultima “savana” italiana, a Sandigliano i legami e le interazioni tra acqua e riso in chiave di sviluppo eco-sostenibile e risorsa ambientale sono al centro del convegno L’acqua l’oro del futuro (11 maggio, h. 18.00) e di diverse mostre sul tema. Ampio spazio sarà riservato, inoltre, alle espressioni cinematografiche, con il Film Festival Internazionale The blue gold (10-11 maggio) e il convegno Cercando il cinema (11 maggio, h. 16.00). In programma anche la proiezione di Sorriso Amaro, pellicola di Matteo Bellizzi dedicata al mondo del riso e alla sua figura-simbolo, la mondina: un toccante viaggio nella memoria delle “ragazze” di allora nelle risaie vercellesi, dove venivano ingaggiate come mondine stagionali (10 maggio, h. 18.00). Tutti gli appuntamenti si terranno al Santo Stefano SPA Relais di Sandigliano.

Nel Monferrato Casalese, tra le colline Unesco del vino e la pianura a risaia, Terre d’Acqua tra riso e canali incontra Riso & Rose in Monferrato, l’affermata manifestazione che a Casale Monferrato e nei Comuni del territorio mette in scena un ricco palinsesto di eventi dall’arte all’enogastronomia, dallo sport al florovivaismo e alla musica. In particolare, in occasione di Casale Monferrato Città aperta, dai monumenti e musei cittadini, la visita si amplia a includere interessanti mercatini dell’antiquariato e di prodotti tipici, per chiudersi nell’atmosfera della Festa sul Po con il grande pic-nic sul Po, accompagnato da gite in barca e intrattenimenti. Per il programma completo: www.monferrato.org/risoerose.html.

Ufficio Comunicazione dell’Assessora regionale al Turismo

Assessorato Cultura e Turismo Regione Piemonte

 

Miriam Corgiat

Tel. 011 4325313 / Mob. +39 338 7336478

E-mail miriam.corgiat@mail.regione.piemonte.it

Qui tutte le informazioni e il programma completo dell’evento: www.visitpiemonte.com